Anche il New York Times esplora il giornalismo non profit

Dopo il Guardian di Londra, anche il New York Times ha avviato una iniziativa per favorire il finanziamento di progetti giornalistici da parte di organizzazioni filantropiche. Il quotidiano ha infatti nominato la giornalista Janet Elder responsabile di un’area di attività con l’obiettivo di ottenere finanziamenti non-profit per progetti giornalistici particolarmente ambiziosi.

In una nota congiunta Dean Baquet e Joseph Kahn, rispettivamente Executive Editor e Managing Editor del quotidiano, hanno sottolineato come la decisione è giunta in risposta alle richieste che da circa un anno vengono da università e organizzazioni non-profit, che si rivolgono al New York Times riconoscendone l’indipendenza e la capacità di approfondimento.

Lo scorso anno un intero numero del New York Times Magazine fu occupato da “Fractured Lands”, un reportage di 40.000 parole sul Medio Oriente realizzato dal giornalista Scott Anderson e dal fotografo italiano Paolo Pellegrin, interamente finanziato dal Pulitzer Center, organizzazione non profit dedicata alla promozione del giornalismo.

Per approfondire